CINEMA RONDINELLA

RICHIEDILA

SOCIAL NETWORK

NOI SIAMO QUI

IL CALENDARIO







 

ore 20.30


LABOUR.director
IL LAVORO
NEL CINEMA DI KEN LOACH
a cura di Matteo Mazza del CGS Rondinella

ore 21.15


LABOUR.film
IO, DANIEL BLAKE
di Ken Loach,
Gran Bretagna, 2016, 1h40.
Con Hayley Squires, Natalie Ann Jamieson.
Il 59enne Daniel Blake di Newcastle fa il falegname da sempre. Per la prima volta nella sua vita, però, ha bisogno dell'aiuto dello Stato. Daniel conosce Katie, madre single in difficoltà economiche. Daniel e Katie si trovano in una terra di nessuno, prigionieri del soffocante sistema burocratico che caratterizza il sistema sociale inglese e della retorica tipica dell'Inghilterra contemporanea, che mette in croce chi richiede i sussidi statali.


IO, DANIEL BLAKE
di Ken Loach, Gran Bretagna, 201 6, 1 h40.
Con Hayley Squires, Micky McGregor, Natalie Ann Jamieson, Dave Johnson, Colin Coombs
PALMA D'ORO E MENZIONE SPECIALE DELLA GIURIA ECUMENICA AL 69. FESTIVAL DI CANNES
GIOVEDÌ
14 Settembre
21.20 Proiezione unica
biglietto unico: € 4,00


CREDITS
Titolo Originale:
I, Daniel Blake
Regia:
Ken Loach
Sceneggiatura:
Paul Laverty
Fotografia:
Robbie Ryan
Montaggio:
Jonathan Morris
Musica:
George Fenton
Interpreti:
Hayley Squires, Micky McGregor, Natalie Ann Jamieson, Dave Johnson, Colin Coombs
Paese:
Gran Bretagna, Francia 2016
Durata:
100 Min
Produzione:
BBC, BFI, Sixteen Films
Distribuzione:
Cinema di Valerio De Paolis.
 

SINOSSI:
Il 59enne Daniel Blake ha lavorato come falegname a Newcastle, nel nord-est dell'Inghilterra per la maggior parte della sua vita. Ora però, in seguito a una malattia, per la prima volta ha bisogno di un aiuto da parte dello Stato. Il destino di Daniel si incrocia con quello di Katie, madre single di due bambini piccoli, Daisy e Dylan, la cui unica possibilità di fuga dalla monocamera in un ostello per senza tetto a Londra è quello di accettare un appartamento a circa 500 chilometri di distanza. Daniel e Katie si troveranno così insieme, confinati in una terra di nessuno e impigliati nel filo spinato della burocrazia delle politiche per il Walfare nella moderna Gran Bretagna.

RECENSIONE:
«È bello ogni tanto verificare che i registi si contraddicono. Era accaduto qualche anno fa con Ermanno Olmi che, presentando Centochiodi, aveva dichiarato che non avrebbe girato più film di finzione. Fortunatamente per noi ne ha già realizzati altri due. Lo stesso succede ora per Ken Loach che sembrava, a sua volta, rivolto al documentario e invece ci regala un film di quelli che solo lui può offrirci. Carico cioè di uno sguardo profondamente umano e al contempo con le caratteristiche del grido che invita a ribellarsi a quello che sembra uno status quo inscalfibile. Per farlo è ritornato, insieme al fido Paul Laverty, per documentarsi, nella sua città natale, Nuneaton, in cui partecipa all'attività di sostegno di chi si trova in difficoltà. » (Giancarlo Zappoli, 'Mymovies.it')


CINEMA RONDINELLA
Viale Matteotti 425 - Sesto San Giovanni (MI)
tel 02.22.47.81.83 - fax 02.24.41.07.09
Per ricevere la newsletter settimanale scrivi a:
info@cinemarondinella.it